Post Blog

La situazione

 

enticinque anni nel movimento per aumentare gli standard accademici e fornire a tutti gli studenti una solida base di conoscenze e competenze accademiche di base, è chiaro che abbiamo fatto solo progressi modesti nel migliorare i risultati scolastici. Siamo riusciti a ridurre il tasso di abbandono-oltre 80 per cento degli studenti sono ora diploma di scuola superiore, un massimo di tutti i tempi-e l’aumento dell’iscrizione nell’istruzione superiore. Siamo anche riusciti a ridurre il divario tra gli studenti caucasici e asiatici da un lato e gli studenti afro-americani e latini dall’altro, un segno di progresso incoraggiante.

Scarica un PDF di questo memo.
Tuttavia, i risultati sono molto meno incoraggianti se guardiamo ai tassi di raggiungimento del Collegio dei giovani nella loro metà degli anni venti. Soltanto un americano giovane in tre riesce a raggiungere un grado di quattro anni. Quando aggiungete nell’equazione quelli con due gradi di anno ed anche quelli con i certificati professionali di un anno con valore nel mercato di lavoro, meno di 50 per cento di quelli nella loro metà di-anni ’20 hanno qualunque genere di credenziale postsecondary, mentre gli economisti ci dicono quello da 2020 2-terzi del jobswill richiede una certa formazione o addestramento oltre il liceo. E anche quelli con gradi possono turbinare nel mercato del lavoro. In 2013 oltre la metà di giovani americani con i gradi di quattro anni erano disoccupati (6 per cento) o sottoimpiegati (44 per cento).
Robert Schwartz
Robert Schwartz è un collega di ricerca senior presso la Harvard Graduate School di istruzione e co-fondatore dei percorsi di rete prosperità.
Nel frattempo, sondaggio dopo sondaggio ci dice che i datori di lavoro non possono trovare persone con le competenze di cui hanno bisogno per colmare i lavori di oggi, in particolare medio-skill lavori tecnici in campi come esso, l’assistenza sanitaria, e di produzione avanzata. Questi fattori presi insieme sembrerebbe sostenere per una Spinta molto più forte per allineare meglio il nostro sistema educativo, in particolare le nostre scuole superiori e collegi della Comunità, con le esigenze della nostra economia, al fine di dotare più giovani con le competenze di cui avranno bisogno di prendere vantaggio delle prospettive di carriera in questi campi alto-domanda e alto-sviluppo. Questo è il ruolo che la carriera di alta qualità e l’educazione tecnica (CTE) è progettato per giocare.
CTE oggi viene in molti sapori. Ci sono scuole superiori professionali autonome, che forniscono tipicamente una gamma dei programmi professionali da cui gli allievi possono scegliere con i soggetti accademici di nucleo richiesti. In alcuno dichiara ci sono centri professionali part-time, in cui gli allievi rimangono nelle loro High Schooi domestiche per i loro corsi accademici ma ricevono la formazione professionale specializzata su una base di mezza giornata. Forse il più rapidamente crescente CTE-related modello è l’Accademia di carriera, che si verifica tipicamente sia come un programma separato all’interno di una scuola superiore completa o come una piccola scuola indipendente. Le accademie di carriera mirano ad integrare l’istruzione accademica e tecnica e si concentrano pricipalmente sui campi come sanità ed esso e servizi finanziari, non i mestieri e l’artigianato tradizionali. Ciò che è comune in tutte le forme di quello che io preferisco chiamare “carriera focalizzata” l’istruzione è che i partecipanti a questi programmi in genere hanno la laurea superiore Liceo e tassi di iscrizione postsecondary rispetto alle loro controparti in completa scuole superiori con Nessuna focalizzazione professionale.
Perché il supporto per CTE non è una priorità più alta a tutti i livelli di governo, in particolare il livello federale? Ci sono diversi motivi, ma si ha a che fare con atteggiamenti parentali. Semplicemente, la carriera e l’educazione tecnica è vista come una grande cosa… per i figli di altre persone. Continua ad essere visto come soprattutto per i giovani che non hanno sufficienti competenze accademiche per frequentare un collegio di quattro anni o università. La maggior parte delle persone associa CTE con la preparazione per un numero limitato di mestieri tradizionali ed artigianato: elettricista, idraulico, carpentiere, meccanico auto, estetista, saldatore, ecc. Mentre la maggior parte di questi lavori oggi, infatti, richiedono solide accademiche, nonché competenze tecniche e la maggior parte retribuzione salari di classe media, fino a CTE è visto da genitori, educatori, e datori di lavoro come un veicolo per la preparazione di una gamma molto ampia di giovani per una gamma molto ampia di carriere , è improbabile che sia in grado di generare il grado di sostegno necessario da parte dei responsabili politici e del pubblico per superare questa percezione di CTE come un sistema di seconda classe.

Il ruolo federale

Il supporto federale per formazione professionale (il termine anteriore per CTE) è quasi 100 anni. L’atto di formazione professionale di 1917 (conosciuto come Smith-Hughes, per i relativi garanti legislativi) ha predatato l’atto elementare e secondario di formazione da quasi 50 anni ed era il primo programma di aiuto federale importante per formazione elementare o secondaria. Smith-Hughes ha fornito i fondi monetari di corrispondenza agli Stati per sostenere le High Schooi professionali separate o, più tipicamente, programmi professionali nelle High Schooi complete. Mentre lo sviluppo delle High Schooi complete ha scaturito da un impulso di democratizzazione-il desiderio lodevole di portare gli allievi con differenti interessi e talenti insieme sotto un singolo tetto-una conseguenza di avere un flusso di finanziamento federale separato dedicato ai programmi professionali era di incoraggiare le High Schooi per generare una pista separata per gli allievi professionali, isolante loro dagli allievi che perseguono una formazione più accademica.
Dal momento che il passaggio della legge Carl Perkins professionale e la formazione tecnica nel 1984, il sostegno federale agli Stati è stato lentamente ma costantemente incoraggiando gli Stati a muoversi verso una concezione più ampia di CTE. Nella sua più recente reauthorization (2006) l’atto Perkins non solo ha subito un cambiamento di nome, sostituendo “carriera” per “professionale”, ma più sostanziale ha sottolineato l’integrazione di una forte preparazione accademica con una forte educazione tecnica. Ha sottolineato l’importanza di concentrarsi su programmi che preparano gli studenti per le carriere in alta crescita, campi ad alta domanda, e su “programmi di studio” che span istruzione secondaria e postsecondary.
I finanziamenti per l’atto Perkins iniziato a $950 milioni per FY 1985 (circa $2,1 miliardi in 2016 dollari costanti) e non ha tenuto il passo con l’inflazione. In FY 2000 era $1,179 miliardi; in FY 2015, $1,125 miliardi. Attualmente è circa $1,3 miliardi, contro un appropriazione approssimativamente $32 miliardi federale per tutti gli altri programmi elementari e secondari di formazione. Del $33,3 miliardi appropriato in FY 2017 per l’istruzione elementare e secondaria, solo $3,1 miliardi sostenuto scuole superiori. Ciò suggerisce che, nonostante il suo titolo, la “legge di istruzione elementare e secondaria” (ESEA) è stato in realtà la legge di istruzione elementare.